venerdì 28 dicembre 2018

Il mito del viaggiatore

I viaggiatori alimentano i sogni o gli incubi di chi resta a casa.
Ma il viaggiatore chi è?  Cosa fa veramente?

Se amate i sogni, il viaggiatore accrescerà in voi il desiderio di visitare luoghi lontani, avrete l'acquolina in bocca cercando di indovinare il gusto di cibi sconosciuti, sentirete l'adrenalina scorrere lungo le gambe di fronte ad un percorso in bilico tra il vostro viaggiatore di riferimento ed un panorama infinito e vivrete di sogni, di quei sogni che forse non realizzerete mai se non, indirettamente, seguendo il vostro amato viaggiatore.

Se vivete di incubi il vostro viaggiatore di riferimento vi spaventerá per ogni luogo fuori dalle rotte turistiche, per ogni cibo inconsueto che sentirete disgustoso anche senza averlo nemmeno annusato, per ogni sua scelta che voi non fareste mai.
Vivrete cosi quegli incubi che forse non realizzerete mai se non, indirettamente, seguendo il vostro odiato viaggiatore.

Lontano dai riflettori il viaggiatore è un uomo o una donna che non sa vivere sul divano, che non riesce a scegliere seguendo il gusto di ciò che il centro commerciale offre, ma adora quello strano odore di spezie che gli solleticano il palato anche se ha già pranzato.

Un tempo il viaggiatore spariva uscendo di casa: di lui non si sapeva piú nulla fino a che non decideva di tornare.
Era il tempo in cui i viaggi erano esplorazione ed ogni viaggiatore dava il suo nome a nuovi laghi,  nuove montagne scalate e nuove rotte tracciate.
Oggi non vi è più molto da esplorare se non nel universo e nel profondo degli abissi.
Ecco che i viaggiatori moderni inseguono lo scatto fotografico piú sensazionale o l'esperienza piú straordinaria; Anzichd lo scorrere di un fiume oggi si inseguono i followers, gli sponsor, gli articoli od i programmi televisivi.

Grazie ad internet potete scegliere tra i diversi tipi di viaggiatori: uno per ogni vostro gusto.
C'è  chi scrive e chi fotografa, chi fa video e chi abbozza due righe sui social.
E poi c'è chi semplicemente VIAGGIA.

Scegliete il vostro viaggiatore, ma ricordatevi che non è un eroe, ma fa solo ciò che può, ciò che gli riesce meglio.

Dedicato ai viaggiatori invisibili,

giovedì 22 novembre 2018

mercoledì 21 novembre 2018

LAKE TERRACE CEMETERY

"Cimitero terrazza sul lago" dice il cartello.
Bello, pulito, ordinato, un panorama carino sulle dolci colline ed il lago blu.

Adoro i cimiteri
Ti rammentano che esiste la morte.
Ti rammentano che devi vivere.

Entro e saluto

Ringrazio ciòche han costruito per noi e benedico.

Benedico le loro fatiche,  i loro sacrifici.

Spero un giorno, le generazioni future, entrino nei cimiteri senza maledirci.


Fuori dagli schemi ma dentro me stessa: questa la mia scelta.

martedì 6 novembre 2018

"La competizione non è per tutti "

Ho sempre fatto sport: con ottimi risultati nella pallavolo, nell'atletica, nel nuorto. Ho sempre sofferto per le mie vittorie poichè vedevo nello sguardo degli sconfitti una sofferenza che offuscava la mia gioia, fino a sopprimerla.
Lo psichiatra e sociologo Paolo Crepet lo spiega cosi: "la competizione non è per tutti e soprattutto non seleziona i migliori ma solo i meno sensibili"

Ed ecco che oggi vi presento l'ottimo lavoro di Valentina e Michele (motorbye) "boomerang tour"

ECCO  IL  MAGNIFICO  VIDEO
https://www.facebook.com/375930762614668/posts/986331081574630/

Perché nel viaggio non ci sono vincitori e vinti.

sabato 3 novembre 2018

Si impara tutto, anche ...

Sono giorni sereni a casa di Peter. La moglie Marilyn mi lascia la cucina totalmente a disposizione, eccetto quando è da riordinare: li comanda lei e non ci sono altre opzioni.
In fondo ha ragione se qualcuno mette a posto le tue cose poi tu non le trovi più. Mi godo quindi l'aperitivo in giardino, le chiacchiere, di risate, il formaggio, l'acqua tonica, l'immensa distesa del panorama che ondeggia verso il cielo. Sono in australia. L'erba fresca sotto i piedi Mi Rammenta che ieri ha piovuto. È questa la felicità? Si impara tutto nella vita anche ad essere felici

mercoledì 31 ottobre 2018

ARTE = CULTURA = SERENITÀ

Il "Royal Botanic Garden" di Sydney è un punto di passaggio quotidiano: da casa di Ben ed Elise vado verso il centro semplicemente camminando tra fiori,  piante e curiosi animali. 
(iguana d'acqua)


Ogni giorno prendo un sentiero diverso.


Ogni giorno ho a disposizione 2 ore gratuite di wifi.
Il giardino è bello ma è sopratutto vivo: gente che passeggia, fa sport, studia, lavora..
La mia attenzione questa volta è stata catturata da un museo in stile tempio greco.

(Art Gallery of New South Wales)

Un museo/galleria dove l'esposizioni permanenti sono gratuite. Dove paghi una cifra di 15 euro per vedere una super installazione temporanea di quadri di Cézanne, Matisse, Rubens ed altri grandi.

Lascio una recensione positiva.
Il giorno dopo ricevo una mail di ringraziamento: "... è bello essere gratificati anziché ricevere soltanto critiche."

martedì 23 ottobre 2018

PRONTA? NO ma IoParto

Questa volta ci sono sia mamma che papà. Nessun altro.
È tutto diverso rispetto a 10 anni fa. Io sono diversa.
Che strana sensazione: un dejavu con immagini ed emozioni opposte.
Mi attendono due voli da 10 ore l'uno.
Per fortuna all'imbarco la signorina è un'appassionata di moto, due parole, e quando sto per salire mi comunicano che ho un cambio di posto a sedere. Sono in una zona con piú spazio per le gambe. INIZIAMO BENISSIMO. Grazie signorina.
Volo lungo e noioso con tappa di 2 ore a Bankok.

Non dormo.
Mancano 4 ore e decido di guardare fuori ed apro l'oscurante.
La luce mi abbaglia.
Solo quando gli occhi si abituano ecco che ciò che credevo oceano prende colore ed è terra rossa, ed è outback, e sono lacrime.
Sono di nuovo in viaggio e sono VIVA !